non fare ad alcun essere vivente ciò che non vorresti fosse fatto a te...

Alternative alla sperimentazione animale

Le alternative alla sperimentazione animale non sono solo le colture cellulari, ma anche metodi più vecchi, come l'epidemiologia o, al contrario più moderni come quelli che utilizzano simulazioni al computer, modelli matematici e meccanici ed anche la clonazione cellulare.

La maggior parte delle acquisizioni scientifiche riguardanti i fattori di rischio delle patologie cardiocircolatorie sono state ottenute grazie all'epidemiologie ed eventualmente, solo successivamente confermate su qualche specie animale. In altri casi, come la citata correlazione tra fumo di sigaretta e tumore al polmone, i tentativi di confermare negli animali i dati epidemiologici sono serviti solo a fare perdere tempo.

Spesso viene detto che le colture cellulari differiscono dal funzionamento dell'organismo in toto. I test che utilizzano cellule umane, però, forniscono dati parziali, ma rispondenti a quanto avviene nella nostra specie, i test animali invece forniscono dati globali, ma tutti da verificare e, come abbiamo visto, solo raramente questo succede.

Nonostante il sostanziale immobilismo dimostrato spesso dai ricercatori che utilizzano animali, non mancano esempi in cui altri metodi sono stati impiegati con successo. Il test di Ames, ad esempio, ha sostituito i modelli animali per quanto riguarda le ricerche sulla mutagenicità e cancerogenicità delle sostanze .

La maggior validità dei test cellulari rispetti a quelli animali, comunque, è già stata dimostrata alcuni anni fa, grazie ad un progetto denominato "Multicenter Evaluetion of In Vitro Toxicology (MEIC), avviato con lo scopo di confrontare le tradizionali prove sugli animali con le metodologie alternative. In questo caso erano state scelte le più promettenti metodologie alternative (circa 60) fra le colture cellulari animali o umane e il confronto tra i risultati ottenuti nell’uomo, negli animali e con le colture cellulari era stato effettuato utilizzando le più avanzate metodologie informatiche. I risultati furono che: le prove su animali, effettuate su topi e ratti, ossia in assoluto le specie animali più utilizzate, mostrarono una capacità predittiva molto modesta della dose letale per l’uomo (Indice di predittività Q2 = 0.64)

i risultati migliori, più predittivi della dose letale per l'uomo, si erano ottenuti tramite una serie di 3 colture cellulari di cellule umane (Indice di predittività Q2 = 0.76-0.82)

le 3 colture cellulari erano:

Hep G2 che misura l'influenza della sostanza da testare sul contenuto proteico (durata del test = 24 ore)

HL-60 che misura l'influenza della sostanza da testare sul contenuto di ATP (durata del test = 24 ore)

Chang Liver che misura le variazioni della morfologia (24 ore) e del pH (7 giorni).

Questa serie di tre metodologie risultava essere, oltre che più predittiva, anche più rapida ed economica delle tradizionali prove su animali.

Bisogna inoltre notare che questa serie di tre colture cellulari si era rivelata più predittiva rispetto ai “migliori” risultati ottenuti sugli animali.

Recentemente le moderne tecniche di clonazione hanno aperto nuovi orizzonti, ad esempio, nel processo di sviluppo di un farmaco. Fino ad ora, la determinazione del legame con i recettori si è determinata somministrando la sostanza in studio agli animali. Il tipo di recettori e la loro distribuzione può però variare moltissimo da specie a specie. Attualmente è invece possibile isolare, ad esempio, un certo recettore umano e, utilizzando le tecniche di genetica molecolare, riprodurlo in colture cellulari. A questo punto si può mettere in contatto la sostanza oggetto della ricerca con i recettori clonati e studiare il tipo di legame che si viene ad instaurare. Inoltre mediante l'impiego di tecniche quali l'autoradiografia e l'ibridizzazione in situ, possiamo determinare l'esatta localizzazione di questo recettore nel Sistema Nervoso Centrale e chiarire la sua stessa funzione cerebrale (37). Tutto ciò rappresenta un corretto uso delle nuove e sofisticate tecnologie in grado di fornire acquisizioni scientifiche nel campo della fisiologia e farmacologia.

Il problema non è la mancanza di metodologie sostitutive la sperimentazione animale, ma la loro scarsa sponsorizzazione economica e il loro insufficiente utilizzo. Inoltre si chiede giustamente che vengano validate, ma questo processo è portato avanti dall' European Center for the Validation of Alternative Methods (ECVAM) confrontando i risultati dei nuovi test con quelli ottenuti precedentemente sugli animali, anziché sui dati presenti in letteratura e riguardanti gli esseri umani. Infine è importante sottolineare che i modelli animali che fungono da confronto per la validazione, non sono mai stati a loro volta validati in passato. Si rischierà così di validare metodi sostitutivi la sperimentazione animale che possiedono poca o nulla validità e se ne scarteranno altri, migliori, ma non accettati perché hanno fornito risultati differenti rispetto a quelli ottenuti sugli animali.


Dal sito Equivita

......


334 1051030

Se vedi un cane abbandonato

in autostrada

Il tuo sms sarà inoltrato alla sede più vicina della Polizia Stradale che attiverà le necessarie operazioni di emergenza.

Ricordati di specificare la località, la direzione di marcia e l’ora dell’avvistamento.

Più dettagli saranno inviati e più facile sarà intervenire.


Adotta un Cane (e qualche Lupo)!